A testa altissima. Decidono, a oltranza, i rigori.

27.08.2018

Pre match - foto Cardone

Taranto 26 agosto 2018

A TESTA ALTISSIMA

Proprio come lo scorso anno, proprio a fine agosto, il Nardò fa il suo esordio in gara ufficiale. E’ ancora il Taranto l’avversario, sono ancora i rigori a decidere. Stavolta però l’epilogo è diverso: la spuntanoi rossoblù ad oltranza.

Mister Taurino schiera il classico 3 - 5 - 2 con Mirarco tra i pali. Linea di difesa composta da Benvenga, Aquaro e De Pascalis;  centrocampo  con Lezzi, Bertacchi, Bolognese, Bertacchi, Gigante e Palmisano;  tandem d’attacco composto da Molinari e Keyremateng.

Prima fase di studio fra le due compagini, col Taranto che ha un controllo palla superiore ma poco redditizio.  All’ottavo minuto Marsili mette in seria difficoltà Mirarco con un gran calcio di punizione dalla lunga distanza che il numero uno granata respinge in angolo con un gran tuffo. 
La supremazia territoriale della squadra di Mr. Cazzarò è ben controllata dall’ottima difesa granata. Mr. Taurino si affida alle ripartenze che, sebbene possano apparire sporadiche, hanno una latente pericolosità. 
Il Toro si propone al trentaquattresimo minuto con Molinari che calcia da posizione angolata e Cavalli mette in angolo. Occasionissima per i padroni di casa al minuto trentotto: Infusino mette un bel cross in area e Favetta in sforbiciata colpisce la traversa. Azioni, da un aparte e dall’altra, che nascono da situazioni di errato palleggio e controllo della sfera.Il primo tempo si conclude sul punteggio di 0 a 0 senza altre occasioni.

La seconda frazione di gioco è di marca granata. Con ritmi più elevati e occasioni pericolose. Il Taranto sembra in affanno e debito di ossigeno. Dopo dieci minuti punizione dal limite per il Nardò: batte Bertacchi ma la barriera devia in angolo.  Ancora pericoloso il Toro, sempre con Molinari che colpisce bene di testa ma Cavalli respinge, gioco fermo però per offside. La più nitida occasione capita a Benvenga che sugli sviluppi di un corner, lasciato inspiegabilmente da solo, colpisce male di testa e la palla sfila sul fondo.
Si rivedono i padroni di casa, con Ancora prima e D’Agostino poi, ma entrambe le conclusioni terminano a lato. Al trentasettesimo minuto il Taranto rimane in dieci uomini; Infusino prende il doppio giallo e va anzitempo a fare la doccia.Il Nardò, in superiorità numerica, tenta gli assalti finali, ma senza l’esito sperato.

E’ la lotteria dei calci di rigore a decidere il passaggio del turno, questa la sequenza:

Gori (T) gol, Kyeremateng (N) gol, Massimo (T) parato, Bertacchi (N) gol, Ancora (T) gol, Molinari (N) parato, Favetta (T) gol, Gigante (N) parato, D'Agostino (T) traversa, Palmisano (N) gol, Carullo (T) gol, Aquaro (N) gol, Miale (T) gol, Benvenga (N) parato

Rammarico, ma soddisfazione in casa granata, per una buonissima gara al cospetto di un avversario dichiaratamente costruito per vincere il campionato. La prima gara ufficiale, pur con degli evidenti meccanismi da migliorare, fa emergere un collettivo di spessore che può sicuramente recitare un ruolo importante in campionato.

Si ringrazia la società del Taranto per l’accoglienza ricevuta.

Infine un ringraziamento ai nostri splendidi tifosi che in tanti hanno seguito al maxi schermo la partita, oltre ad aver fatto registrare numeri interessantissimi sulla diretta web.

 

TARANTO-NARDO' 5-4 dcr (0-0)
Coppa Italia Serie D 2018/2019, Primo Turno - Dom 26.08.2018


TARANTO (4-3-3): 1 Cavalli; 2 Infusino, 5 Bova, 6 Miale, 3 Carullo; 8 Marsili (33'st 15 Gori), 4 Manzo (13'st 17 Massimo), 7 Guadagno (38'st 13 Pelliccia); 10 D'Agostino; 9 Favetta, 11 Diakite (13'st 20 Ancora). A disposizione: 12 Van Brussel, 14 Araldo, 16 Giannotta, 18 D'Alterio, 19 Squerzanti. Allenatore: Michele Cazzarò
NARDO' (3-4-2-1): 1 Mirarco; 4 De Pascalis, 6 Aquaro, 17 Benvenga; 27 Lezzi (21'st 13 Centonze), 21 Bertacchi, 8 Bolognese, 28Gigante, 23 Palmisano; 57 Molinari, 10 Kyeremateng. A disposizione: 22 Rizzitano, 33 Giglio, 25 Manisi, 35 Cordella, 5 Cassano, 14 Sene, 19 Muci, 11 Greco. Allenatore: Roberto Taurino
Arbitro: Giorgio Vergaro di Bari
Assistenti: Ciro Di Maio di Molfetta e Davide Sabatino di Foggia
Ammoniti: Miale, Marsili (T); Kyeremateng, Benvenga (N)
Note: Angoli: 3-4. Recupero: 0'pt, 4'st. 

Nuovo sponsor: Mirko parrucchiere.
Nuovo sponsor: Alvi Systems.